[Salta al contenuto]

Avanzare l'equità nella salute comportamentale: iniziare nelle scuole

Molti fattori influiscono sulla salute comportamentale dei nostri bambini in età scolare. La pandemia di COVID-19 contribuisce in modo evidente, ma lo è anche la questione dell'equità nella salute comportamentale. Molto prima della pandemia, la salute mentale dei bambini era una crisi crescente. Secondo l'avviso del 2021 del Surgeon General sulla salute mentale dei giovani, fino a 1 bambino su 5 di età compresa tra 3 e 17 anni ha lottato con un disturbo mentale, emotivo, dello sviluppo o comportamentale segnalato. Inoltre, circa la metà dei 7,7 milioni di bambini con un disturbo di salute mentale curabile non ha ricevuto un trattamento adeguato.1

Che cos'è l'equità comportamentale per la salute?

L'equità sanitaria comportamentale è il diritto di accedere a un'assistenza sanitaria di qualità per tutte le popolazioni indipendentemente dalla razza, dall'etnia, dal sesso, dallo stato socioeconomico, dall'orientamento sessuale o dalla posizione geografica dell'individuo. Ciò include l'accesso a servizi di prevenzione, trattamento e recupero per disturbi mentali e da uso di sostanze.

https://www.samhsa.gov/behavioral-health-equity

I bambini, in particolare le popolazioni vulnerabili e svantaggiate che non hanno accesso ai servizi nelle loro case o comunità, beneficiano di maggiori servizi di salute mentale a scuola. La pandemia ha messo in evidenza questa esigenza così come il fatto che i gruppi di minoranze razziali ed etniche, insieme alle popolazioni giovanili a basso reddito e LGTBQ+, devono affrontare ulteriori barriere ai servizi di salute mentale. Questo mette questi studenti in un pericolo ancora maggiore di conseguenze sulla salute mentale a lungo termine.

La richiesta di servizi di salute mentale più accessibili nelle scuole, in particolare quando si tratta di comunità svantaggiate, è convincente.

Ciò indica un'evidente necessità di miglioramento dei servizi di salute mentale offerti dalle nostre scuole. Ma da dove cominciare? Il CDC consiglia quanto segue per contribuire a fornire un ambiente scolastico più sicuro e di supporto: 2

  • Collegamento degli studenti ai servizi di salute mentale in loco o nella comunità
  • Integrare l'apprendimento emozionale sociale
  • Personale di formazione
  • Sostegno alla salute mentale degli insegnanti
  • Rivedere le politiche di disciplina per garantire l'equità
  • Costruire ambienti sicuri e di supporto

I lavoratori in prima linea come gli insegnanti e altro personale scolastico sono spesso i primi a vedere problemi di salute mentale nei bambini, ma non ci si può aspettare che si assumano la responsabilità di creare il cambiamento da soli. Ci vorranno gli sforzi congiunti della comunità sanitaria, delle agenzie governative e dei sistemi scolastici per creare le innovazioni e le riforme necessarie per rendere prioritaria la salute mentale dei bambini e la difficile situazione dei poveri. Sebbene la pandemia porti molte sfide ovvie, offre anche opportunità di crescita, ma solo rendendo questi problemi una priorità. Se lo facciamo, allora possiamo migliorare i risultati per tutti i bambini.


[1] https://www.cdc.gov/healthyyouth/mental-health/index.htm

[2] https://www.cdc.gov/healthyyouth/mental-health/index.htm



Non ci sono commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *
I commenti inappropriati e / o non attinenti all'argomento in questione non verranno pubblicati.

Collegamento superiore
it_ITItaliano