[Salta al contenuto]

I tanti volti del suicidio

Il telefono squilla, una domenica mattina presto. Sono entusiasta, perché è un amico d'infanzia con cui non vedo l'ora di riconnettermi; solo lei mi chiede di far sapere ai miei genitori che suo fratello si è suicidato la notte prima. Nessuna parola può descrivere il dolore sentito e provato. Ovviamente, come estranei, come spettatori, le nostre prime domande inespresse sono "Come è successo?" "Come ha fatto?"

Diversi anni prima, mio fratello mi ha contattato per farmi sapere che sua cognata è in coma dopo un'overdose, un tentativo di suicidio, non il primo; ha resistito per diversi giorni ma alla fine è morta.

Cinque o sei anni fa, ci fu un'ondata di tentativi di suicidio e suicidi tra gli studenti delle scuole superiori nella mia zona. In qualità di addetto ai servizi psichiatrici mobili di emergenza, il mio lavoro doveva essere inviato a casa per valutare e offrire supporto, mentre il medico legale è ancora a casa e il corpo non era ancora pronto per essere rimosso. Nel frattempo, una folla crescente di coetanei (alla vittima) si raduna fuori casa e, nel frattempo, cerco di essere l '"aiutante", chiedendomi: "Questa folla andrà fuori controllo?" "La mia sicurezza è a rischio?"

Ci sono individui che non sfuggono mai al loro uso di sostanze, sia che si bevano fino alla morte e il corpo cede, o che bevono fuori dagli elementi e muoiono lì, o che usino oppioidi, eroina cucita con fentanil e overdose. Sono questi casi di suicidio? In alcuni casi sì, e in altri forse solo uno scarso tempismo?

O, più recentemente, ho appreso sui social media che un ex cliente di uno studio privato si è suicidato il giorno prima. Il primo pensiero che mi passa per la testa è quando l'ho visto l'ultima volta; quante sessioni abbiamo avuto; rivedere i miei appunti e vedere SE il suicidio è stato anche menzionato nelle nostre due sessioni.

Ci sono individui che non sfuggono mai al loro uso di sostanze, sia che si bevano fino alla morte e il corpo cede, o che bevono fuori dagli elementi e muoiono lì, o che usino oppioidi, eroina cucita con fentanil e overdose. Sono questi casi di suicidio? 

All'inizio della mia carriera nel campo della salute mentale, ho lavorato al terzo turno in una linea di assistenza. A volte, i chiamanti erano suicidi. Ho imparato COME ascoltare, COSA dire e COME rispondere, mantenendo aperte le linee di comunicazione mentre chiamavo i 911 sull'altra linea per inviare la polizia a casa loro. A volte, i chiamanti richiamavano, arrabbiati, e poi di tanto in tanto, mesi dopo, qualcuno mi richiamava e mi ringraziava per aver dedicato del tempo ad ascoltare e preoccuparsi abbastanza da inviare aiuto. Ecco perché faccio questo tipo di lavoro, per aiutare gli altri, per aiutarli a trovare i servizi corretti o per aiutarli ad affrontare i loro demoni.

Qualcuno è davvero un outsider?

Siamo davvero “outsider”? Le persone sono toccate da questo tipo di tragedia più di quanto lasciamo intendere. Perché le persone non vogliono parlare di questo problema? Più noi come società possiamo parlare apertamente di suicidio, meno stigma attorno a questo argomento.

Ho mai pensato al suicidio? Sì, mi sono sentito così emotivamente svuotato e distrutto che il pensiero è stato lì. Guida troppo veloce ed entra in un'altra macchina a testa alta (nessuno lo saprà); correre dei rischi e bere molto; poi prendi delle pillole per aiutarmi a dormire (nessuno lo saprà). Questa NON è un'opzione per me. Scelgo di lavorare attraverso il dolore per trovare quell'equilibrio interiore. Sono fortunato perché ho sostegno e amore per le persone nella mia vita (ma capirebbero questi sentimenti?) ~ Fiducia.

Come badante nella professione di "aiuto", tendente a vedere la vita come un bicchiere mezzo pieno invece che mezzo vuoto, questi incidenti lasciano un segno nel mio cuore. Sono triste che ci siano così tante persone che stanno soffrendo in questo mondo - emotivamente, sentendosi sole - e non hanno nessun posto a cui rivolgersi quando si è in crisi. Parte del mio lavoro è istruire la mia cerchia; una parte di me ha sempre il cappello di valutazione. Allora quando mi rilasso? Come mi rilasso? ~ Respira e basta.


Non ci sono commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *
I commenti inappropriati e / o non attinenti all'argomento in questione non verranno pubblicati.

Collegamento superiore
it_ITItaliano