[Salta al contenuto]

Accendere la candela ad entrambe le estremità: 6 consigli per ridurre lo stress del caregiver

Per molti, novembre segna l'inizio della stagione del dare. Per coloro che si prendono cura della famiglia e dei propri cari, tuttavia, quella stagione può durare tutto l'anno.

Con l'invecchiamento della popolazione della nostra nazione, aumenta la necessità di assistenza compassionevole e conveniente. Molte volte, quel ruolo non è retribuito e spetta a un membro della famiglia. Secondo stime recenti dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC), 22.3% di adulti negli Stati Uniti riferiscono di aver prestato assistenza a un familiare o a una persona cara negli ultimi 30 giorni.[1]

L'assistenza è una delle cose più importanti e gratificanti che puoi fare per una persona cara. È anche uno dei più impegnativi perché pone ulteriore tensione emotiva e fisica sul caregiver.

Lo stress del caregiver è reale e può assumere molte forme, inclusi sentimenti di esaurimento, solitudine e risentimento, che spesso portano a sensi di colpa. Lo stress del caregiver può anche manifestarsi sotto forma di mal di testa, dolore corporeo o altre malattie fisiche. Ciò rende più difficile prendersi cura adeguatamente della persona amata e quasi impossibile prendersi cura di se stessi.

È importante riconoscere i segni dello stress del caregiver. Ecco alcuni suggerimenti utili per mitigare sia la frustrazione che il burnout durante il caregiving:

  1. Prendi sul serio i tuoi sentimenti e ascolta ciò che il tuo corpo ti sta dicendo. Lo stress del caregiver può portare a seri problemi di salute e problemi di salute mentale. Parla con il tuo medico o terapista di ciò che stai vivendo. Prendi in considerazione gli appuntamenti di telemedicina virtuale se appropriato per le tue preoccupazioni.
  2. Preoccuparsi o sentirsi impotenti può esacerbare lo stress e i suoi effetti sul corpo. La creazione di un piano per ridurre lo stress può dare potere e ridurre quegli effetti dannosi. Il tuo piano potrebbe includere tempo incorporato per socializzare con gli amici o trascorrere una serata tranquilla a casa, ad esempio.
  3. Crea un sistema di supporto e chiedi aiuto, anche finanziario. Sii specifico su ciò di cui hai bisogno e non aver paura di chiedere ai membri della famiglia di contribuire. Crea un elenco di modi in cui gli altri possono aiutare e prendi in considerazione l'adesione a un gruppo di supporto. Quindi concediti il permesso di accettare aiuto.
  4. Dì "no" alle richieste che potrebbero essere estenuanti. Consenti a qualcun altro di ospitare il pasto festivo, ad esempio.
  5. Prendi in considerazione l'assistenza di sollievo o cerca risorse comunitarie che possano aiutare la persona amata a breve termine mentre ti prendi del tempo per te stesso.
  6. Riconosci che il caregiver perfetto non esiste. I sensi di colpa rendono solo lo stress del caregiver più difficile da gestire. Ricordati che stai facendo del tuo meglio.

Se ti senti esausto o stai vivendo un disagio emotivo, la nostra hotline 24 ore su 24, 7 giorni su 7, è qui per te. Chiamaci in qualsiasi momento al numero 1-800-580-6934 o contatta il 988 Suicide and Crisis Lifeline.


[1] Sito web dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie, Assistenza alla famiglia e agli amici: un problema di salute pubblica (accesso a novembre 2022): cdc.gov/aging/caregiving/caregiver-brief.html


Non ci sono commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *
I commenti inappropriati e / o non attinenti all'argomento in questione non verranno pubblicati.

Collegamento superiore
it_ITItaliano